Home » Scuola e Comunicazione » La Formica produttiva e felice

La Formica produttiva e felice

La Formica produttiva e felice - Didattica & Comunicazione

Una favola, una metafora. Era dedicata alle aziende, ma forse ora va bene anche per le scuole.

Da diversi anni gira su Internet, prevalentemente nel mondo delle aziende, una favola che, in realtà, è una metafora della situazione che si crea in molte aziende. Ora leggo l’ipotesi, o la bufala, di assumere nelle scuole figure dedicate a risolvere la non conoscenza della lingua italiana, ovviamente da parte degli italiani: il pedagogista grafologo. Follia o bufala, mi è venuta in mente questa favola, letta anni fa e ritrovata su www.magnaromagna.it, ma la riportano diversi siti.

Tutti i giorni, molto presto, arrivava in ufficio la Formica produttiva e felice. Là trascorreva i suoi giorni, lavorando e canticchiando una vecchia canzone d’amore. Era produttiva e felice ma, ahimè, non era supervisionata.

Il Calabrone, gestore generale, considerò la cosa impossibile e creò il posto di supervisore, per il quale assunsero uno Scarafaggio con molta esperienza.

La prima preoccupazione dello Scarafaggio fu standardizzare l’ora di entrata e di uscita e preparò pure dei bellissimi report.

Ben presto fu necessaria una segretaria per aiutare a preparare i report, e quindi assunsero una Ragnetta, che organizzò gli archivi e si occupò del telefono.

E intanto la formica produttiva e felice lavorava e lavorava.

Il Calabrone, gestore generale, era incantato dai report dello Scarafaggio supervisore, e così finì col chiedere anche quadri comparativi e grafici, indicatori di gestione ed analisi delle tendenze.

Fu quindi necessario assumere una Mosca aiutante del supervisore e fu necessario un nuovo computer con stampante a colori.

Ben presto la Formica produttiva e felice smise di canticchiare le sue melodie e cominciò a lamentarsi di tutto il movimento di carte che c’era da fare.

Il Calabrone, gestore generale, pertanto, concluse che era il momento di adottare delle misure: crearono la posizione di gestore dell’area dove lavorava la Formica produttiva e felice.

L’incarico fu dato ad una Cicala, che mise la moquette nel suo ufficio e fece comprare una poltrona speciale. Il nuovo gestore di area – chiaro – ebbe bisogno di un nuovo computer e quando si ha più di un computer é necessaria una Intranet.

Il nuovo gestore ben presto ebbe bisogno di un assistente (Remora, già suo aiutante nell’impresa precedente), che l’aiutasse a preparare il piano strategico e il budget per l’area dove lavorava la Formica produttiva e felice.

La Formica non canticchiava più ed ogni giorno si faceva più irascibile.

“Dovremo commissionare uno studio sull’ambiente lavorativo, un giorno di questi”, disse la Cicala.

Ma un giorno il gestore generale, al rivedere le cifre, si rese conto che l’unità , nella quale lavorava la Formica produttiva e felice, non rendeva più tanto.

E così contattò il Gufo, prestigioso consulente, perché facesse una diagnosi della situazione.

Il Gufo rimase tre mesi negli uffici ed emise un cervellotico report di vari volumi e di vari milioni di euro, che concludeva: “C’é troppa gente in questo ufficio.” E così il gestore generale seguì­ il consiglio del consulente e licenziò la Formica incavolata, che prima era produttiva e felice.