Home » Notizie » Giardino dei sogni

Giardino dei sogni

Giardino dei sogni - Didattica & Comunicazione

Un pomeriggio fantastico. Grazie!

Un caso fortuito, una felice coincidenza, mi ha portato ad essere presente alla festa della Scuola per l'infanzia Giardino dei sogni di Faenza.

Un festa di fine anno, nata da un'idea simpatica: ai bimbi dell'ultimo anno è stato consegnato un diploma, con tanto di cappello da laureato, e successivo lancio in aria dei cappelli.

Fantastiche le maestre. Hanno organizzato una serie di danze da diversi Paesi, in uno spettacolo decisamente bello ed emozionante. E che dire della maestra Elena, che è riuscita a guidare nelle danze un centinaio di bimbi di cinque anni? Ercole, e le sue dodici fatiche, sembrano una passeggiata!

Credo che poche cose possano essere più belle di un gruppo di bimbi, tutti di cinque anni, con colori diversi, etnie molto lontane tra loro, alcuni minuti come topolini, tutti uniti a cantare, ballare e recitare.

Non hanno certo pregiudizi di razzismo, loro!

E poi non c'era perfezione nei balli. Qualcuno si perdeva, o non andava a tempo, ma erano tutti impegnatissimi.

Ovviamente la mia totale solidarietà va a quei bimbi con cui mi sono immediatamente identificata. Potete immaginare quali? Quelli che, se dovevano girare in senso orario, andavano in senso antiorario, se dovevano battere le mani marciando non riuscivano a fare le due cose contemporaneamente.

Bimbi, maestre e genitori hanno organizzato il pomeriggio, scelto le musiche, fatto le coreografie. Ogni bimbo aveva un tamburo, ricavato da una lattina, colorata, un ombrellino di carta, realizzato e decorato, per la danza cinese, vari strumenti e ornamenti, tutti pensati e realizzati, la maglietta con la foto di classe e le firme di tutti i bimbi, il diploma, il cappello ... Non oso immaginare quanto lavoro hanno scelto di fare.

Ma so che per me è stato un pomeriggio felice. Personalmente lo ritengo più efficace di un antidepressivo! E poi mi apre il cuore alla speranza per il futuro. Quei bimbi, che hanno saputo giocare e condividere, hanno buone probabilità di diventare adulti migliori, saggi, sereni, se solo sapranno ricordare questo pomeriggio.